Ambiente e Sicurezza

Bando ISI INAIL 2017

Incentivi alle imprese per la realizzazione di interventi in materia di salute e sicurezza sul lavoro

L’INAIL ha destinato alle imprese, anche individuali, risorse finanziarie pari a complessivi € 249.406.358 (€ 21.716.473 in Regione Veneto) con i seguenti obiettivi:
• Incentivare le imprese a realizzare progetti per il miglioramento dei livelli di salute e sicurezza sul lavoro (Assi di finanziamento 1, 2, 3 e 4);
• Incentivare le micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli per l’acquisto di nuovi macchinari ed attrezzature di lavoro caratterizzati da soluzioni innovative per abbattere le emissioni inquinanti e, contemporaneamente, ridurre il rischio rumore o infortunistico o quello relativo alla movimentazione manuale dei carichi (Asse di finanziamento 5).

Sono finanziabili le tipologie di progetto ricomprese nei 5 Assi di finanziamento di seguito descritti.

 

Asse 1. Progetti di investimento e progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale:
a. Riduzione del rischio chimico;
b. Riduzione del rischio rumore mediante la realizzazione di interventi ambientali;
c. Riduzione del rischio rumore mediante la sostituzione di trattori agricoli o forestali e di macchine;
d. Riduzione del rischio derivante da vibrazioni meccaniche;
e. Riduzione del rischio biologico;
f. Riduzione del rischio di caduta dall’alto;
g. Riduzione del rischio infortunistico mediante la sostituzione di trattori agricoli o forestali e di macchine;
h. Riduzione del rischio sismico;
i. Adozione di un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro certificato BS OHSAS 18001:07;
j. Adozione di un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro di settore previsto da accordi INAIL-parti sociali;
k. Adozione di un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro non rientrante nei casi “i” e “j”;
l. Adozione di un modello organizzativo e gestionale di cui all’art. 30 del D.Lgs. 81/2008 asseverato o non asseverato;
m. Adozione di un sistema di responsabilità sociale certificato SA 8000;
n. Modalita' di rendicontazione sociale asseverata da parte terza indipendente.


Asse 2. Progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi (MMC):
a. Riduzione del rischio da movimentazione manuale dei pazienti;
b. Riduzione del rischio legato ad attivita' di sollevamento, abbassamento e trasporto di carichi;
c. Riduzione del rischio legato ad attivita' di traino e spinta di carichi;
d. Riduzione del rischio legato ad attivita' di movimentazione di bassi carichi ad alta frequenza.


Asse 3. Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto:
a. Rimozione di materiali contenenti amianto, con successivo trasporto e smaltimento in discarica autorizzata, da componenti edilizie, mezzi di trasporto, impianti e attrezzature, piastrelle e pavimentazioni, coperture, canne fumarie, comignoli, cassoni, pareti, condutture o manufatti in genere.

Asse 4. Progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attivita' (Legno – ATECO C16  e Ceramica – ATECO C23.2, C23.3, C23.4):

a. Settore Legno – riduzione del rischio da polveri di legno;
b. Settore Legno – riduzione del rischio infortunistico-meccanico;
c. Settore Ceramica – riduzione del rischio di esposizione a polveri;
d. Settore Ceramica – riduzione del rischio infortunistico-meccanico;
e. Settore Ceramica – riduzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi.


Asse 5. Progetti per micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli:

a. Adozione di soluzioni innovative per il miglioramento del rendimento e della sostenibilita' globali dell’azienda agricola o per l’abbattimento delle emissioni inquinanti contestualmente alla riduzione del rischio rumore o infortunistico o quello relativo alla movimentazione manuale dei carichi.

 

I soggetti destinatari possono presentare una sola domanda di finanziamento per una sola tipologia di progetto tra quelle sopra indicate riguardante una sola unità produttiva.

 

Non sono ammesse a finanziamento le spese relative all’acquisto od alla sostituzione di: Dispositivi di Protezione Individuale, veicoli, hardware, software e sistemi di protezione informatica fatta eccezione per quelli dedicati all’esclusivo funzionamento di impianti o macchine oggetto di miglioramento, mobili e arredi, ponteggi fissi. Non sono inoltre ammesse le seguenti spese (elenco non esaustivo): trasporto del bene, consulenza per la redazione, gestione e invio telematico della domanda di finanziamento, valutazione dei rischi, manutenzione ordinaria degli ambienti di lavoro, attrezzature, macchine e mezzi d’opera, acquisizioni tramite leasing, acquisto di beni usati.

 

Il finanziamento e' concesso nella seguente misura:
Assi 1, 2, 3: 65% delle spese ammesse, con un massimo erogabile per ogni azienda/progetto pari a € 130.000 e minimo erogabile pari a € 5.000; per le imprese fino a 50 dipendenti che presentano progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilita' sociale non è fissato il limite minimo di contributo;
Asse 4: 65% delle spese ammesse, con un massimo erogabile per ogni azienda/progetto pari a € 50.000 e minimo erogabile pari a € 2.000;
Asse 5: 40% delle spese ammesse (50% per i giovani agricoltori), con un massimo erogabile per ogni azienda/progetto pari a € 60.000 e minimo erogabile pari a € 1.000.

 

Le domande devono essere presentate in modalità telematica, secondo le seguenti 3 fasi successive:
1. compilazione della domanda on-line a partire dal 19 Aprile 2018 e fino alle ore 18:00 del 31 Maggio 2018 (a partire dal 7 Giugno 2018 le imprese ammesse potranno effettuare il download del proprio codice identificativo);
2. invio della domanda on-line utilizzando il codice identificativo ottenuto (la data e l’ora dell’apertura e della chiusura dello sportello per l’invio telematico saranno rese note a partire dal 7 Giugno 2018);
3. invio telematico della documentazione a completamento della domanda (entro il termine di 30 giorni dalla pubblicazione sul sito www.inail.it degli elenchi delle aziende ammesse a contributo).

 

La soglia minima di ammissibilita' necessaria per l’inserimento della domanda e' pari a 120 punti ed e' associata sia alle caratteristiche proprie dell’impresa (dimensioni aziendali, attività svolta) sia al progetto oggetto della domanda (tipologia di intervento, utilizzo di buone prassi, condivisione con le parti sociali).

 

In seguito al ricevimento della documentazione l’INAIL procedera' al riscontro di quanto inviato allo scopo di verificare l’effettiva sussistenza di tutti gli elementi dichiarati nella domanda dandone comunicazione alle aziende al massimo entro 120 giorni dal ricevimento della documentazione; in caso di ammissione, la realizzazione e la rendicontazione del progetto deve concludersi entro 365 giorni dalla data di ricevimento della comunicazione di esito positivo della verifica da parte dell’INAIL.

 

Informiamo che l’Ufficio Ambiente e Sicurezza e' a disposizione delle imprese, esclusivamente su appuntamento, per la consulenza volta alla verifica del raggiungimento della soglia minima di ammissibilita' di 120 punti e/o la registrazione della domanda di contributo sul portale INAIL, comprensiva della successiva attivita' di invio online (click-day).

 

Per qualsiasi ulteriore approfondimento relativo al bando o per la valutazione di ammissibilita' di un eventuale progetto invitiamo le imprese a fissare un appuntamento contattando il personale dell’Ufficio Ambiente e Sicurezza ai seguenti riferimenti telefonici o e-mail:

Vania Moro:  tel. 04222 112 66 (e-mail: vania.moro@artigianonline.it ).

 

L’attivita' di consulenza su appuntamento viene effettuata ed addebitata secondo la tariffa oraria di listino. Ricordiamo che la consulenza e' gratuita nel caso l'impresa abbia attivo, o decida di attivare contestualmente, il servizio di assistenza “Convenzione Ambiente e Sicurezza” offerto dall'Ufficio Ambiente e Sicurezza di Confartigianato Imprese Treviso.

Per permettere alle imprese di acquisire ulteriori dettagli relativamente al Bando ISI INAIL 2017 l’Ufficio Ambiente e Sicurezza ha organizzato un seminario informativo al quale le imprese potranno partecipare gratuitamente inviando la scheda di iscrizione allegata.

  Scarica la documentazione relativa al Bando e la scheda di iscrizione per partecipare al seminario informativo

 

 

Condividi la notizia