Sindacale

CONFARTIGIANATO IMPRESE TREVISO E CMB PER USCIRE DALLA CRISI

30 MILIONI DI EURO PER OLTRE TREMILA IMPRESE ARTIGIANE

Potrebbero essere oltre 50.000 le autovetture aziendali trevigiane da sostituire qualora venisse approvata la legge sul blocco delle Euro 4.

Il rinnovo del parco automezzi è un costo ulteriore che va ad aggiungersi a tutti quelli necessari per il rinnovo tecnologico dei macchinari, investimenti indispensabili per rimanere nel mercato.

Non si possono inoltre tralasciare le difficoltà che spesso sorgono all'interno delle aziende artigiane per reperire la liquidità utile per pagare tasse e oneri statali.

Per andare incontro alle necessità delle imprese trevigiane, CentroMarca Banca Credito Cooperativo di Treviso e Venezia ha messo a disposizione 30 milioni di euro per le oltre 3.000 aziende aderenti a Confartigianato Imprese Treviso.

 

La convenzione che consentirà di accedere ai crediti speciali è stata sottoscritta lunedì 22 ottobre 2018, dal presidente Tiziano Cenedese e dal direttore generale Claudio Alessandrini per CentroMarca Banca Credito Cooperativo di Treviso e Venezia e dal presidente Ennio Piovesan con il segretario Carlo Ceriana per Confartigianato Imprese Treviso. L'accordo prevede anche il coinvolgimento di Veneto Garanzie, il Consorzio fidi regionale degli artigiani. Questo plafond sarà una vera e propria boccata d’ossigeno per le imprese artigiane che consentirà, a quanti ne avessero bisogno, di poter usufruire di crediti a tassi agevolati destinati a tre tipologie di investimenti:

 

·        10 milioni per il rinnovo tecnologico e parco automezzi;

·        10 milioni per la liquidità;

·        10 milioni per tasse e tredicesime;

 

 “L’obiettivo di CentroMarca Banca è da sempre quello di sostenere concretamente le imprese, tenendo fede ai principi con i quali è stato fondato il Credito Cooperativo, che sono quelli del mutualismo e solidarietà, ma soprattutto affidabilità. Per tale motivo CMB ha sottoscritto questo importante accordo con il Mandamento Confartigianato di Treviso. Sostenere le nostre aziende significa investire e creare sviluppo per il nostro territorio – ha dichiarato il Presidente di CMB, Tiziano Cenedese. - Un sostegno che non avrà solo benefici economici, ma anche ambientali. Contribuire al rinnovamento del parco automezzi delle nostre aziende, significa infatti rendere l’aria più pulita”.

 

“Da oggi le nostre piccole e medie imprese avranno una nuova importante opportunità, per investire, innovare e poter competere per vincere.  – ha aggiunto il Direttore Generale Claudio Alessandrini – In questo contesto economico, nel quale è sempre più difficile fare impresa, vogliamo confermare la nostra vicinanza al tessuto produttivo, alle imprese artigiane, per dare nuovo impulso al sistema economico del territorio.”

 

Se si pensa che ogni azienda artigiana conta in media 2-3 dipendenti, la convenzione firmata questa mattina al Centro Direzionale di CMB in via Selvatico a Treviso diventa una vera e propria manna per ridare slancio all’economia trevigiana e garantire ad imprese e dipendenti un futuro sereno.

 

“L'accordo fra il nostro Mandamento e CentroMarca Banca Credito Cooperativo di Treviso e Venezia – hanno aggiunto Ennio Piovesan e Carlo Ceriana di Confartigianato Treviso – è nato in modo per così dire 'spontaneo'. Confrontandoci è stato subito evidente che la nostra visione dei bisogni delle aziende artigiane, in merito al credito, era la medesima della BCC. Ad esempio, c'è un grande bisogno di investimenti e di innovazione anche in relazione ai passaggi generazionali, che interessano un gran numero delle nostre imprese. Ringraziamo la Banca per la disponibilità dimostrata, alla quale si è aggiunto come partner anche Veneto Garanzie. È una grande ed esclusiva opportunità per le nostre aziende associate: siamo certi che sapranno coglierla”.

Scarica comunicato stampa
(documento PDF)

 

 

Condividi la notizia